MENAGGIO – Voci autorevoli intervengono sugli avvistamenti, veri o presunti, di lupi nelle zone alte della Lombardia, con riferimento anche alle montagne lariane, dopo le segnalazioni delle scorse settimane.

Stiamo attenti a gridare al lupo, al lupo, spesso in assenza di certezze sull’effettiva presenza del predatore, recita una nota pubblicata dal Club alpino italiano: si rischia non solo di arrecare danno al turismo montano, ma anche all’equilibrio faunistico delle Alpi laddove i veri cospicui danneggiamenti alle attività agro-zootecniche sono stati finora arrecati dai cinghiali.

In relazione alle polemiche sulla presenza del lupo, insorte soprattutto in Piemonte, il Cai prende ufficialmente posizione e porta all’attenzione dei responsabili delle aree montane italiane quello che proprio di questi tempi ha indicato la Commissione per la protezione delle Alpi.

Tratto: Laprovinciadilecco

Articoli simili:

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)