Probabilmente ci siamo. Dopo tanti rinvii, timori, ripensamenti questa volta sembra proprio che per i cervi in Cansiglio non ci sarà scampo.

Veneto Agricoltura, con le Province di Treviso e Belluno, Regione Veneto, Regione Friuli Venezia Giulia, iCorpo Forestale dello Stato e Istituto Zooprofilattico delle Venezie, hanno approvato il piano di abbattimento che dovrebbe scattare subito dopo Pasqua.

Secondo l’eurodeputato Andrea Zanoni – che ha scritto la sua protesta ai ministri Clini e Catania e al Corso forestale – ci saranno “uccisioni inutili e barbare, anche di femmine gravide che verranno effettuate dalle Guardie Venatorie e dal Corpo Forestale dello Stato, per l’ingordigia a fini di lucro dei ristoratori locali”.

Zanoni contesta a Veneto Agricoltura di non aver considerato altre alternative come il trasferimento per popolare zone e parchi protetti dove i cervi sono poco presenti.

L’eurodeputato ha annunciato un’interrogazione alla Commissione Europea, perché ritiene sia violata la Direttiva UE Habitat 92/43/CEE, considerato anche che il Cansiglio è un Sito di Importanza Comunitaria.

Va ricordato, anche, che lo scorso febbraio il Consiglio regionale ha impegnato la Giunta Zaia a candidare il Cansiglio – e le creature che lo abitano – a patrimonio dell’Unesco.

Articoli simili:

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)