Nei giorni scorsi la Polizia provinciale ha ricevuto alcune segnalazioni dai residenti di Spotorno preoccupati dalle incursioni di cinghiali e daini all’interno di terreni e orti condominiali, ha dichiarato l’Assessore provinciale Paolo Ripamonti. Gli animali attratti dal cibo dato loro dai cittadini, sebbene vietato da un provvedimento del Comune e pubblicizzato sulle strade, erano infatti soliti girovagare nei cortili e nelle aree verdi adiacenti. Ieri è stato quindi effettuato un intervento dalla Polizia provinciale in collaborazione con l’ambito territoriale di caccia e la squadra di cinghialisti locali al fine di allontanare  gli ungulati in questione. All’operazione hanno partecipato sei agenti provinciali coordinati dal Comandante Fulvio Terzolo, il presidente dell’ambito Franco Ciocca, alcuni selecontrollori,  guardie volontarie ed una decina di appartenenti alla squadra di Spotorno. Sul posto sono state posizionate circa 100 metri di rete di cattura per evitare che gli animali si disperdessero verso il centro città, mentre battitori perlustravano la zona. Con l’ausilio di un cane da caccia sono proseguite le ricerche dei cinghiali che, individuati, hanno reagito ferendo il cane. A seguito di questa pericolosa aggressione si è reso necessario abbattere un grosso maschio di oltre 90 kg.  Mi preme però sottolineare che l’intervento della Polizia provinciale si è reso necessario a seguito di comportamenti errati dei cittadini che tentano di “addomesticare” animali selvatici dando loro del cibo, ha concluso  l’Assessore Ripamonti. Coloro che pensano di fare del bene a daini e cinghiali in realtà ne segnano il destino poichè la dipendenza dall’uomo li fa avvicinare pericolosamente ai centri urbani con le, purtroppo, ovvie conseguenze. Allertare le forze dell’ordine segnalando pericolo per la pubblica incolumità fa scattare inevitabilmente delle contromisure che possono portare anche all’abbattimento dell’animale che, diversamente, avrebbe vissuto indisturbato nei boschi.”

Tratto da: PuntoSavona

Articoli simili:

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)