VISSO – Nel Parco nazionale dei Sibillini si sta per chiudere positivamente il Life Ex-Tra, progetto finanziato dalla Comunità europea per migliorare la conservazione dei grandi carnivori, e in particolare del lupo. Il progetto viene realizzato attraverso una serie di azioni volte al coinvolgimento diretto degli allevatori, alla sensibilizzazione dei cittadini ma anche al restauro ambientale. Tra le iniziative previste c’è anche l’incremento delle prede naturali del lupo allo scopo di ridurre le predazioni di questa specie su greggi e allevamenti. Oggi è stato quindi effettuato l’ultimo rilascio di cervi previsto dal progetto che ha portato, in tutto, all’immissione di dieci animali. Due cervi maschi, di cui uno dotato di collare satellitare che permetterà di controllarne gli spostamenti, sono stati rilasciati nel territorio di Castelsantangelo sul Nera, area di maggior presenza di questa specie all’interno del Parco. In attesa dei dati relativi all’ultimo censimento che si sta svolgendo proprio in questi giorni, la popolazione di cervo all’interno del Parco, reintrodotta a partire dal 2005, risulta essere di circa 170 esemplari. Oltre ai due maschi rilasciati in natura, una femmina adulta è stata liberata all’interno del centro faunistico di Castelsantangelo sul Nera che è un utile serbatoio di animali per eventuali altri rilasci in natura. I tre esemplari immessi stamattina provengono dalla popolazione dell’Acquerino, nel Pistoiese, nota per l’alta densità e qualità degli animali che la compongono. In particolare, i palchi dei cervi dell’Acquerino sono rinomati per l’alto numero di ramificazioni e per una notevole tendenza alla palmatura degli stessi.

Tratto da: Il Messaggero

Articoli simili:

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)