Intervento nel botta e risposta Coldiretti-Provincia-mondo venatorio

Se i cinghiali aumentano e causano danni all’agricoltura, non può essere colpa dei cacciatori. Lo sostiene il consigliere regionale Valerio Bettoni (UDC) intervenendo nella polemica innescata dalla Coldiretti, secondo cui manca un controllo efficace sul selvatico. Al dibattito hanno contribuito il settore Caccia della Provincia e gli ambientalisti. Di seguito, l’intervento che Bettoni ha pubblicato sul proprio blog, con il titolo “Ma evitiamo di colpevolizzare i cacciatori per i cinghiali”

La caccia è materia che divide, lo si sa. Ma non è bello né elegante prima blandire e poi scaricare i cacciatori come la Provincia e alcune forze politiche stanno facendo, per esempio a proposito dei cinghiali. Che ci sono e stanno provocando danni all’agricoltura. Sono un problema da affrontare e risolvere insieme, nell’interesse di tutti, dei contadini, dei cacciatori, per il giusto equilibrio nel rapporto fauna-ambiente. Soprattutto senza sgradevoli strumentalizzazioni. Se le colonie dei cinghiali si moltiplicano, occorre prendere le contromisure necessarie, senza inutile demagogia, anzi nel rispetto della legalità. Ci si riunisce attorno ad un tavolo, si discute, si trovano le giuste e adeguate soluzioni. Se un malato ha la febbre, non serve a niente prendersela con il termometro che la rivela: ci vogliono i farmaci di contrasto. Evitiamo per favore di colpevolizzare, ancora e sempre, i cacciatori.

 Valerio Bettoni

Tratto da: Giornale di Bergamo

Articoli simili:

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)