In provincia di Genova i cacciatori possono vendere la carne degli animali uccisi (cinghiali, caprioli, daini) già dal dicembre del 2010. Ecco indirizzi e numeri di telefono utili per avere informazioni.

Genova – In provincia di Genova i cacciatori possono vendere la carne degli animali uccisi cinghiali, caprioli, daini) già dal dicembre del 2010, quando una delibera della Giunta regionale emanò delle linee guida che dettavano le regole per selezionare le carcasse commercializzabili, macellarle e venderle.

Quella delibera fu il frutto di un lungo percorso avviato e promosso anche dalla Provincia di Genova, che prima partecipò a tavoli di lavoro con numerosi altri soggetti (uffici sanità e caccia della Regione, Asl, Atc, associazioni venatorie, associazioni agricole, Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Liguria, Piemonte e Val d’Aosta, Nas), poi promosse due corsi di formazione tenuti da Federcaccia ed Urca (Unione Regionale Cacciatori dell’Appennino) e infine pubblicò un vademecum contenente tutte le indicazioni utili ai cacciatori su questo tema.

Fa le norme e le prescrizioni contenute nelle linee guida regionali e riportate nel vademecum della Provincia di Genova ci sono:

  • il divieto di commercializzare fauna selvatica morta non proveniente da allevamenti per sagre e manifestazioni gastronomiche;
  • il permesso di commercializzare la selvaggina solo ai cacciatori che hanno superato i corsi di formazione riconosciuti dalle Asl e organizzati dagli Atc e dalle associazioni venatorie, oppure ai cacciatori appartenenti a squadre di caccia al cinghiale nelle quali vi sia almeno un componente formato al quale sottoporre l’esame del capo che si intende vendere;
  • la prescrizione di vendere i capi di ungulati interi, privati di stomaco ed eviscerati secondo le buone prassi venatorie;
  • la limitazione a un solo capo di grossa taglia per la commercializzazione di cinghiali, caprioli e daini.

indirizzi e numeri di telefono utili per avere informazioni:

Regione Liguria, Ufficio veterinaria e sanità animale:
Tel.: 010 – 54 85 549 (-826)
E mail: alimenti.veterinaria@regione.liguria.it

Provincia di Genova, Servizio Ambiti territoriali, caccia e pesca:
Tel.: 010 – 54 99978 (-635)
E mail: ufficio.caccia@provincia.genova.it

Atc Ge 1:
Tel.: 010 – 83 92 701

Atc Ge 2:
Tel.: 010 – 83 92 361

Ist. Zooprofilattico Piemonte, Liguria, Valle D’Aosta
Tel.: 54 22 74
E mail: genova@izsto.it

Asl 3: S. C. Igiene, Trasformazione alimenti di origine animale
Tel.: 010 – 84 95 530
E mail: igienealimentioa@ligutria

Adl 4 S. C.Igiene degli alimenti di origine animale
Tel.: 0185 – 32 90 97
E mail: gepoire@asl4.liguria.it

Tratto da: Genova Today

 

Articoli simili:

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)