sentieri di caccia marzo 2014Il numero di marzo di Sentieri di Caccia riserva ampio spazio alla caccia agli ungulati. Danilo Liboi ci racconta dell’intima soddisfazione che regala l’arrivare a pochi metri dal re del bosco, il cervo, utilizzando il trucco del richiamo, trait d’union con questi meravigliosi animali che non ci concedono alcuna compartecipazione alla loro vita, se non nel magico momento del bramito. “Meglio in squadra o da soli?” è l’amletico dubbio risolto da Stefano Cioni nel suo articolo dedicato alla caccia al cinghiale, mentre Roberto Mazzoni della Stella ci propone un illuminante esempio di come è stato affrontato con successo il problema dei danni da cinghiale, croce e delizia della caccia italiana.

Il nostro viaggio attraverso la caccia in Italia, sotto la guida di Natale Francioso, questa volta fa tappa nell’Alessandrino, con un’analisi del territorio e delle problematiche venatorie e faunistiche legate a questa zona del Piemonte.

Se la caccia alle starne ha ancora un futuro e soprattutto come fare perché questo sia non solo possibile ma anche roseo, è analisi di un tecnico faunistico di provata e lunga esperienza quale è Mazzoni della Stella e con Emanuele Nava, invece ,andiamo a scoprire se il nostro segugio può dirsi in buona salute. Sempre i nostri cani, ma da ferma, protagonisti nelle note di Rossella Di Palma che spiega dove, come quando e perché le prove cinofile “alla tedesca” vengono organizzate, e soprattutto frequentate da cacciatori, nel nostro Paese.

Scontro tra titani: pernici e fermatori a confronto nelle riflessioni del pointerman Adriano Voltolin, che illustra le difficoltà di questa caccia e le caratteristiche che un buon ausiliare deve avere per uscire vincente dal confronto con questo scaltro selvatico.

Lorena Tosi ci aggiorna, infine, sul tema degli appostamenti di caccia in Veneto.

Passando alle attrezzature, una cartuccia ricaricata in calibro 20 e buona per la migratoria è la proposta di questo mese di Simone Bertini, che descrive anche il nuovo gioiello di Casa Fausti, il Venetian calibro 28.

Ovviamente questi sono solo alcuni degli argomenti affrontati su questo nuovo numero di Sentieri di Caccia, che vi auguriamo vi possa offrire una lettura interessante e piacevole, per non mettere mai la caccia “nel cassetto” anche a stagione conclusa.

Articoli simili:

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)