Cacciare a Palla agosto 2014

Cacciare a Palla agosto 2014Ricco di argomenti interessanti e di attualità il nuovo numero di agosto di Cacciare a Palla. Dopo un editoriale, come sempre pungente, del nostro Danilo Liboi, si passa alla rubrica delle lettere, graditissima dai lettori.

Arriviamo quindi all’articolo di apertura, affidato alla felice penna di Ettore Zanon, che fa un po’ di chiarezza fra i termini “prelievo sostenibile”, “gestione faunistico-territoriale” (quella vera),” conservazione”… Paroloni? No, concetti semplici, alla base dell’attività venatoria, della formazione e dell’etica dei cacciatori. Ivano Confortini ci chiarisce le formule e i sistemi di misurazione delle corna dei bovidi (non si va a caccia solo per il trofeo, ma essere in grado di disimpegnarsi anche in questo settore della caccia a palla non fa certo male). E dopo tanta “tecnica” un po’ di caccia cacciata: Filippo Duranti, esperto cacciatore
a palla, ci porta in Val Passiria, a caccia di camosci.

Dopo l’avventura alle alte quote, arrivano le pagine riservate all’Urca che propone un’interessante intervista al dottor Piero Genovesi di Ispra, che risponde a una serie di domande su temi scottanti di attualità: specie alloctone invasive e problematiche legate ai carnivori selvatici. Davide Pittavino, tecnico faunistico piemontese, va a toccare un argomento sempre molto discusso dai cacciatori di camosci: meglio prelevare più animali di classe 0 o di classe 1? Quindi Stefano Cioni, il nostro cacciatore giramondo, effettua una disanima, con annesso racconto, sul dove poter cacciare i mufloni in Italia. Di seguito, con l’amico Lucio Costabeber, attraverso un racconto breve, ma ricco di emozioni, andremo a caccia di caprioli nell’immensa Puszta ungherese.

Per quanto concerne le armi, il nostro Matteo Brogi, giornalista e fotografo, ci presenta un’arma non nuovissima (anno di nascita 2012), ma di cui nessuno ha mai parlato così approfonditamente: la Mauser M12. Fulvio Tonin ci presenta un .30 ipertrofico, il 300 RUM.

Grande spazio per la Convention del Safari Club International Italian Chapter, tenutasi quest’anno nella città delle torri (Bologna). E dopo alcune pagine dedicate all’arte del recupero degli ungulati feriti, tratte dall’interessantissimo convegno tenutosi a Riva del Garda lo scorso marzo, in seno alla manifestazione fieristica Expo-Riva Caccia Pesca Ambiente, si passa, come di consueto, alla rubrica sulla caccia in Europa affidata a Ettore Zanon.

In questo numero così ricco di argomenti non poteva mancare il resoconto dell’annuale raduno del Blaser Club Italia, che da gruppo “virtuale” è diventato associazione sportiva, facendosi così promotore di iniziative legate alla caccia sempre più numerose, interessanti e coinvolgenti.

Per chiudere ancora spazio alla “caccia scritta”: Marco Braga ci porta in Namibia, alla ricerca di uno dei “gatti” meno conosciuti, il ghepardo.

Le vostre foto, che arrivano in redazione sempre più numerose, le news e le notizie d’attualità chiudono questo numero ricco sotto tutti gli aspetti. Buona lettura a tutti!

Articoli simili:

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)
Tags: