Sentieri di Caccia agosto 2014Numero “caldo” quello di agosto 2014 di Sentieri di Caccia. In primo piano, ovviamente, il discusso decreto legge n° 91 (24 giugno 2014) con cui il governo ha inteso intervenire anche sulla legge 157/92 (in tema di richiami di cattura, di armi e di divieti relativi alla detenzione e al commercio di avifauna selvatica). Per aggiornamenti sulla discussione in Parlamento visitate il nostro sito www.caffeditrice.com.

E dalle questioni di legge passiamo a quelle associative. Gian Luca Dall’Olio, rieletto alla guida della Federcaccia per il prossimo quinquennio, fotografa il presente della caccia italiana e programma il futuro della Federazione di cui è presidente nazionale. Tutto in una lunga e articolata intervista che tocca a 360° le tematiche principali della caccia nel nostro Paese.

L’appuntamento annuale di tutti i cacciatori di colombacci è stato a Poggibonsi (Toscana) ed è stato ancora una volta il trionfo di piccioni, zimbelli e volantini che gli allevatori di mezza Italia hanno portato a questo importante appuntamento, in cui si è fatto il punto della situazione anche sulla disciplina per la costruzione dei capanni.

Estate, tempo di tortore e Vanni de Carlo ci trascina in una appassionante avventura in Serbia, ma si torna subito nei patri confini con il focus, a cura di Natale Francioso, sulla caccia e sulla gestione faunistica in Abruzzo, con particolare riferimento al Pescarese.

Segugi: cucciolo, cucciolone o cane esperto? E’ la domanda cui risponde Emanuele Nava analizzando le varie alternative che l’appassionato segugista può vagliare quando intende ampliare numericamente la composizione del proprio canile. Passando poi ai cani da ferma, Rossella Di Palma valuta i pro e i contro nella scelta di una femmina come compagna di caccia.

In tema di gestione faunistico-venatoria, Roberto Mazzoni della Stella si occupa di lepri e di censimenti notturni, preziosi strumenti per poter ricavare importanti notizie circa la consistenza delle popolazioni di lepre, capriolo e volpe, nonché sull’eventuale presenza di specie come faina, tasso, istrice e, sia pure a certe condizioni, anche del cinghiale. E parlando di ungulati, su questo numero potrete trovare un sintetico resoconto dell’incontro “Recupero ungulati feriti: comportamento da tenere per non compromettere un’azione di caccia”, organizzato da Paolo Ferranti, presidente del Gruppo conduttori cani da traccia Etruria Onlus, che ha offerto un vademecum per il moderno cacciatore. Caccia al capriolo in Ungheria e caccia al camoscio durante il Brunft sono gli argomenti che completano le pagine dedicate alla caccia a palla.

Passando alle attrezzature, oltre ad aver provato il nuovo semiauto Breda Ermes nichel in calibro 12, Simone Bertini, insieme a Paolo Guerucci e Alessandro Iacolina, propone una ricetta di ricarica per una cartuccia da impiegare sia sulle pedane che a caccia, in particolare durante la stagione più calda.

Ma non è finita qui… questo è solo un assaggio di quello che potrete leggere sul nuovo numero di Sentieri di Caccia, a cui è allegata in omaggio una copia di Beccacce che Passione. Buona lettura e buona estate.

Articoli simili:

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)