Veneto

Sul Carso sono tornati i lupi

0

Lupi-menaggioGORIZIA. Il lupo torna a fare capolino sul Carso goriziano. A confermarlo sono i risultati di uno studio dell’Università di Lubiana, denominato “Slowolf”, che verranno presentati ufficialmente nei prossimi giorni. Alcuni esemplari sono stati dotati di radiocollare per seguirne gli spostamenti e ciò ha permesso di rilevarne la presenza anche nelle zone boschive del Carso che si trovano al di qua del confine.

Una notizia sicuramente positiva per la biodiversità del territorio (altro…)

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)

Gentilini contro le nutrie: i cacciatori sparino ai roditori in campagna e città

0

nutriaTREVISO – Cacciatori pronti a sparare in città come in campagna. Contro chi? Ma contro le nutrie, ovviamente. Il vice sindaco Giancarlo Gentilini prende ancora una volta in mano e scrive a tutti, da Monti in giù, sottolineando per l’ennesima volta i problemi creati da questi castoridi ormai sempre più presenti anche in città e chiedendo soluzioni (altro…)

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)

Zaia: «A27 senza soldi e senza consenso»

0

BELLUNO. Come il cadorino Bortolo Mainardi, commissario della Tav da Mestre a Trieste, anche Luca Zaia, governatore del Veneto, riconosce che ci sono difficoltà importanti per portare a casa il “Passante Alpe Adria”, da Pian di Vedoia a Macchietto.

Lo stesso presidente della Regione conferma a Reinhold Messner, il fondatore del museo fra le nuvole recuperato dalle macerie di un (altro…)

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)

«I cinghiali? Usiamoli per fare salami e prosciutti tipici»

0

LESSINIA. Proposta-choc dell’assessore regionale Manzato per eliminare gli animali selvatici. La specie è cacciabile ma vive in zona protetta: «E allora è meglio che abroghiamo i Parchi»

Lessinia. Prende posizione sul problema dei cinghiali l’assessore regionale ai parchi Franco Manzato e di fronte ai danni che subiscono i parchi veneti, in particolare quello della Lessinia e dei Colli Euganei, lancia la proposta di trasformare questo danno in risorsa, utilizzando la carne di cinghiale come prodotto tipico per farne prosciutti e salami. «La situazione è insostenibile ed esasperante: questi animali selvatici provocano danni ingenti alle cose, tra l’altro mettendo in ginocchio molte aziende agricole, e costituiscono un serio pericolo per le persone», esordisce Manzato. La specie è cacciabile e la legge prevede addirittura l’eradicazione, non essendo autoctona di questi territori, ma il confronto si è rivelato finora impari e comunque nei parchi è vietata ogni attività venatoria e le aree protette costituiscono per loro stessa (altro…)

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 10.0/10 (1 voto ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: +1 (da 1 voto)

Cherso e Lussino perdono la battaglia contro i cinghiali

0

Nonostante i cacciatori ne abbiano abbattuti più di cento la loro presenza continua a causare danni agli allevatori

FIUME. Benché messi in secondo piano negli ultimi mesi dalla sempre più consistente presenza di orsi nella regione del Quarnero, i cinghiali continuano a causare gravi danni agli allevamenti di ovini nell’arcipelago di Cherso e Lussino.

Animali alloctoni, immessi una trentina d’anni fa nell’area settentrionale di Cherso per le necessità del turismo venatorio, i cinghiali sono fuggiti dalle riserve di caccia, diffondendosi rapidamente in tutta l’area insulare.

Ormai è da tempo che non si accontentano di agire nel profondo dei boschi e della macchia mediterraneo, avvicinandosi quasi quotidianamente ai centri (altro…)

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 10.0/10 (1 voto ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: +1 (da 1 voto)

Associazione cacciatori veneti: “Rimediato ad un errore”

0

La Confavi esprime soddisfazione per la modifica alla normativa regionale sulle altane di caccia

Grazie alla sensibilita’ del Presidente Davide Bendinelli e di molti consiglieri regionali, il Consiglio regionale del Veneto ha rimediato oggi all’errore commesso in data 8 febbraio u.s. quando, forse per superficialita’ o distrazione, era stato approvato un provvedimento che si limitava a mettere al riparo delle denunce per abuso edilizio e paesaggistico solo gli appostamenti per la caccia agli ungulati, lasciando in balia (altro…)

VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0.0/10 (0 voti ottenuti)
VN:F [1.9.22_1171]
Voto: 0 (da 0 voti)
Torna all'inizio